ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

(Compaiono in questa sezione i nominativi degli autori
che hanno pubblicato testi da luglio 2006 a oggi
I nominativi del nucleo originario appaiono nella pagina dedicata
alla Redazione 2000-2006)


Vittoria Salomè:


Sandro Salvi:


Enza Sampogna:


Salvatore Armando Santoro:

Poeta e narratore non professionista (scrive poesie da adolescente).
Webmaster del sito www.circoloculturaleluzi.net.
Presidente del Circolo Culturale “Mario Luzi“ di Boccheggiano (GR) ed organizzatore del Bando Letterario Europeo di Poesia e Narrativa Città di Montieri (Scadenza: ultimo sabato di Giugno-Premiazione: ultimo sabato di Settembre).
Il suo primo libro di poesie: “La Sabbia negli Occhi“ - Edizioni Pubblidea 2006 - Massa Marittima (GR)

Agata Sapienza:

vivo in un piccolo paese con la mia famiglia e qui è molto difficile far sentire la propria voce, una voce diversa che ha voglia di andare avanti. La gente vive di piccole cose e a volte si sta un po' stretti. Studio al Liceo Linguistico e ho in programma di andare a studiare fuori in una facoltà di lettere. Mi piacerebbe lavorare in una casa editrice; mi capita spesso di scrivere e faccio di tutto per ritagliare un po' di tempo per la lettura. Il genere che preferisco è il saggio critico letterario. Faccio parte di un'associazione culturale formata da giovani appassionati di cinema arte e letteratura.

Carla Cesarina Maria Saraceni:


Fabio Scarnati:


Mirko Servetti:

Nato in Liguria, ad Alassio, il 5 febbraio 1953; vive a Imperia nulla facendo per evitare le invasioni della scrittura.
Presente con poesie ed interventi critici in numerose riviste ed antologie di letteratura. Tra i libri pubblicati, dopo l'esordio di "Frammenti in fuga" (Lalli Editore, 1981) scritto in coppia con Teresio Zaninetti (1947-2007), figurano "Quasi sicuramente un'ombra" (Forum/Quinta Generazione, 1984); il poema "Canti tolemaici", edito in due volumi ("Degli scherzosi proemi" - Tracce Edizioni, 1989; "Le rifrazioni asimmetriche" - Bastogi Editore, 1993); "L'amor fluido (Bastogi Editrice, 1997); "Quotidiane seduzioni" (Edizioni del Leone, 2004)
Fra gli interessi, oltre la poesia, la saggistica, la musica e il cinema.

Emanuele Sorrentino:


Sergio Sozi:

Sergio Sozi è nato nel 1965 a Roma e ha vissuto nel perugino fino al 2000. Attualmente risiede a Lubiana (Slovenia), dove ha curato nel 2005 l‘antologia di racconti brevi italiani contemporanei (1989-2003) Carta e carne (Papir in meso, ·tudentska Zalozba-Beletrina, Ljubljana 2005). Ha pubblicato pezzi critici e di cultura, poesie e racconti, su testate giornalistiche e periodiche («L‘Unità», «Il Giornale dell‘Umbria», «Avvenimenti», «I Polissenidi», «Trieste Arte e Cultura», ecc.) e condotto programmi televisivi culturali (TelePerugia). In Slovenia alcuni suoi commenti critici sono stati trasmessi da Radio Slovenia Tre e poesie, articoli e racconti, appaiono su diversi quotidiani e periodici («Primorske Sreãanje», «Paralele, Dnevnik», «Nova revija»). Nel 2000 ha pubblicato il volume di poesie Oggetti volanti (Fra.Ra, Perugia 2000) e il suo più recente libro di narrativa, Il maniaco ed altri racconti, è uscito a marzo del 2007 in tutt‘Italia per i tipi di Valter Casini Editore.

Antonio Spagnuolo:


Michele Stuppiello:


Giuseppe Tirotto:


Iole Toini:


Giancarlo Tramutoli:


M. Franca Tronci:


Ynés Mercedes Trujillo Vidal:


Maria Antonietta Trupia:


Laura Tussi:

Ho conseguito la mia quarta laurea specialistica presso l'ateneo bicocca di Milano il 16 luglio 2007, all'età di 34 anni. Sono Giornalista e mi occupo di cultura, di tematiche sociali e psicopedagogiche

Paolo Vallarelli:


Nichi Vendola:


Michele F. Venturini:

Michele F Venturini si diploma e intraprende un personale cammino di apprendimento.
Studia in Università italiane e straniere senza giungere all’attestato istituzionale ma arricchendosi notevolmente dal punto di vista culturale. Incontra personalmente Primo Levi, e più tardi diventa traduttore della recentemente scomparsa Tanya Reynarth, esperta di sionismo.

Tamara Vincent:


Vilma Viora:

Amante della natura e della letteratura ha esercitato la professione di insegnante e direttrice didattica.
La sua passione per la poesia è un gesto quotidiano: l‘uccellino sul ramo, la foglia che cade,un abbraccio alla stazione.
Ha scritto un libro di poesie dal titolo “Identità“ con i tipi di Carta e Penna, 2006, Torino.
E‘ membro di giuria di concorsi letterari: Il Golfo, Borgo Ligure, Portus Lunae.

Redazione Virtuale:

-
Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Essere considerati di chiesa non era di per sé una raccomandazione. L’espressione era usata talvolta per mettere genericamente in guardia, come a dire: “Attento, è di chiesa!”. Non che apparissero davvero più cattivi degli altri, solo un po’ troppo sicuri di non esserlo, e talvolta un po’ duri e sbrigativi nelle cose della morale e della fede, come se le avessero in proprietà.»

(Luigi Meneghello, Libera nos a malo)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Per una psicanalisi non istituzionalizzata
Al di fuori di qualunque dogmatica moralità
Si può uccidere la psicanalisi, dice Cesare Viviani ('L’autonomia della psicanalisi'), facendone uno strumento del conscio per neutralizzare l'inconscio o, più rozzamente assimilandola alla psicoterapia, oppure, confondendo l'ermeneutica con l'interpretazione e, ancora, utilizzandola al fine di un'omologazione culturale. (Roberto Caracci)
Il ruolo dell'intellettuale contemporaneo
Intervista con Amos Luzzatto
Che scelte si possono operare quando ci sono forze gigantesche a influenzare la cultura che pervade i nostri sentimenti? Si può ancora parlare di “libero” arbitrio, di salvezza e di emancipazione? Che cosa possiamo conoscere? Che cosa dobbiamo fare? In che cosa possiamo sperare? Tre raccomandazioni di Amos Luzzatto per l'intellettuale contemporaneo impegnato a navigare attraverso le acque agitate di questa società, spazzata dal vento torrido dell'"antipolitica". (Laura Tussi)
Dinanzi alle Terme di Caracalla
Tratta dalle “Odi Barbare”, s’ispira alla rievocazione commossa del paesaggio storico
La voce più intima di Giosuè Carducci, già individuata nel senso doloroso, seppur virile, della morte del tutto, nella stagione della estrema maturità, scarta ancora i limiti angusti della cronaca e della storia, per scendere nella profondità dell’io per indagare le ragioni ultime dell’essere. Questa ricerca è sottintesa dalla sicura consapevolezza di una «poetica della malinconia» e dall’acquisto di un nuovo senso creativo della «immagine» e della «parola», in una misura in cui coincidono prodigiosamente poetica e poesia. (Reno Bromuro)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Come Dio comanda, di Niccolò Ammaniti
Il punto di vista del criminale
Vincitore del premio Strega 2007, Come Dio comanda, è un'opera epica che si svolge nell'interland di una megalopoli italiana e ha per protagonisti un gruppo di emarginati nel loro cammino attraverso il crimine e alla ricerca della verità , costantemente attratti e storditi dai richiami ambigui di una sirena enigmatica e irresponsabile di nome Dio. (Redazione Virtuale)
Un testimone del Novecento
Tra rigore morale e impegno intellettuale
Emilio Lussu fu un eminente testimone del Novecento italiano. Attraverso appassionate descrizioni della vita in trincea e, successivamente, dell'esperienza dell'opposizione al regime fascista e all'impegno socio-politico a favore della rinascita della sua terra, spesso a rischio della propria incolumità fisica, ha rappresentato con coscienza gran parte del Novecento italiano. (Ademario Lo Brano)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008