ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

REDAZIONE VIRTUALE

Giuseppe Tirotto

Dal luglio 2006 su ItaliaLibriNET ha pubblicato:


    aRILIEVI

    Quella volta che ti sei stesa
    sul tecnigrafo e t’ho misurato
    ogni centimetro
    con le mie righe di cristallo.
    Reticoli miniati
    su avvallamenti e colline,
    prominenze, cavitĂ
    e fenditure, savane e radure,
    e grovigli di linee parallele
    che s’incontravano prima
    che l’infinito incontrasse noi.

    E non erano
    bastati gradi e radianti
    al cerchio di fuoco
    inscritto nel triangolo
    tra la bocca e le tue gambe
    nude e aperte verso l’estasi.

(2006-09-17 18:25:20 ––>Leggi tutto)


    aÈ PIOVUTO

    È piovuto. Una pioggia
    bramata dopo lunga arsura.
    Il vello erboso umideggia
    sulla terra snervata
    e paga dell’orgasmo d’acqua.

    La stessa mollezza teporosa
    del tuo triangolo di crine
    dopo l’amore che dura a morirti
    sulle labbra, tumide
    come un bocciolo prossimo ad aprirsi.

    E‘ piovuto, ma già uno squarcio
    d‘azzurro svela l‘orizzonte, così
    terso nell’azimut tagliente
    che precisa il mio stare all’universo.
    Tagliente come quello tra la curva
    della tua schiena nuda
    e il mio respiro, un attimo
    prima che un gorgo d’afa lo dilati.

(2006-09-17 18:24:36 ––>Leggi tutto)


    aSENILITÀ

    Stesa ad asciugare
    tra due fili di ricordi, rossa
    la risacca sciama nella sera.
    Plumbea la pace piove,
    e s’insinua tra le gambe nude.

    Ebbra congiunzione di stupore,
    ancora. Come un pane caldo,
    come vino denso,
    come l’amore
    che piĂš si fa piĂš ne viene voglia.


(2006-09-17 18:23:57 ––>Leggi tutto)


    aTRAVAGLI

    Giacciono i miei versi
    trafitti dai tuoi dinieghi,
    da fuori stille d’alba
    intaccano le ultime
    ore di questa notte liquorosa
    orfana del tuo corpo di melassa.

    L’ho sognato, bramato,
    penetrato tra le onde spumose
    delle lenzuola, ogni gemito
    un rintocco raggiante sulla pelle.
    Dai, lascia un morso di ciliegia
    sul tornio delle mie labbra,
    che possa modellarlo
    in forma di rosa e farne bottoni
    per i tuoi seni da succhiare
    come pistilli di pervinche.

    Pensavo a versi duri, sai, audaci,
    versi che schiudano le cosce delle
    donne, dopo l’ennesimo
    ti amo ripudiato, ma via
    che sfiata quel grumo
    d’orgoglio che ci tiene
    restano i sogni e le segrete pene.

(2006-09-14 01:07:18 ––>Leggi tutto)


    aCAVALLI DI CANNA
    Una spada di luce
    affila i tuoi sogni
    sparsi assopiti nel niveo
    mattino. Nello specchio
    del tempo ti conto
    le rughe, e nessuna
    ne manca da quando
    galoppavo con te criniere
    di canna tra gambe ansiose
    di stringere le tue di madreperla,
    e di sfogliare quella rosa corvina
    che serbi nell’intrico
    arcano del tuo essere.

    Oh! quale ebbrezza
    il tuo calice sospeso
    su un esilissimo cristallo
    di fragilitĂ , prezioso
    nettare da distillare
    goccia a goccia!

    E non ne scopre il fondo
    la scintilla di luce
    che affila i tuoi sogni
    sparsi nel risveglio. Nello
    specchio del tempo
    le crepe si ricompongono
    di silenzi che ritornano
    nitriti di cavalli di canna,
    e lo stesso profumo
    di rosa corvina sbocciata
    in prati di madreperla.

(2006-09-14 01:06:35 ––>Leggi tutto)

   1   


Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«La fanciulla, chiaramente regina di cuori e fortune, avanzava però, in quello tetro luogo, con quel tanto di convenzionale allarme, e un minimo di autentica attenzione, atti a significare che il suo animo sportivo non era del tutto indifferente ai fascini dell’orrido e di una naturale (alla estrema indigenza) depravazione.»

(Anna Maria Ortese, L’iguana;)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Chi decide della dignitĂ  di un nano?
Ovvero, la liberta di liberarsi da alcune libertĂ  fondamentali
Un sano pragmatismo fondato sull'alleanza tra scienza laica e filosofia permea Il lancio del nano, accanto a una tenace, puntigliosa, divertita curiositĂ  per quelli che sono i veri e falsi dilemmi e i paradossi della morale moderna. Le forze oscurantiste ostacolano la risoluzione di tali dilemmi. Armando Massarenti inquadra la diatriba fra una cultura arroccata sul giustificazionismo a-storico, e una cultura aperta alla comprensione del nostro tempo, alla complessitĂ  dei suoi problemi, alle sfide della scienza e del sapere filosofico, e soprattutto ai mutamenti che le trasformazioni sociali impongono ai codici etico-morali. (Roberto Caracci)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
La formazione di “Pianissimo”
L’esperienza dell’interiorità
Ripercorrendo la vita di Camillo Sbarbaro negli anni che vanno tra il 1910 e il 1911, affiorano le ragioni ideali ed esistenziali che condussero il giovane poeta a comporre i versi fondativi di quel corpus organico di testi che è "Pianissimo". Il cuore quale “sismografo” di un periodo storico-letterario, è testimone di una vicenda personale ugualmente condivisa da altri scrittori d’inizio Novecento. (Daniele Pettinari)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Le tre societĂ 
III Rapporto sul cambiamento sociale in Italia
Le tre società. È ancora possibile salvare l’unità d’Italia? La particolarità della situazione economica, sociale e politica stimola Luca Ricolfi a individuare una classificazione più pertinente delle classiche categorie elaborate da Sylos-Labini alla attuale realtà del paese. Le garanzie, il rischio e la forza sono tre immagini evocative che sintetizzano la situazione di disagio in cui stiamo vivendo (Redazione Virtuale)
Giovanni Sartori
Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008