LA RAGAZZA DI BUBE, DI CARLO CASSOLA, CI RIVELA IL SIGNIFICATO DELLA VITA, DEL SACRIFICIO E DEL DOLORE

ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE


La ragazza di Bube (1960)


AUTORI A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

OPERE A-Z
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z



Carlo Cassola, La ragazza di Bube
Rizzoli, 2000, Bur La Scala
Pagine 262, L. 15.000 Euro 7,75

a storia narrata nel romanzo di Cassola si inscrive nella situazione storica italiana degli anni 1944-'48, anni di caos e forti tensioni politiche. L’Italia, che alla fine della guerra già guardava a un futuro repubblicano, si trovava però del tutto priva degli strumenti democratici per mantenere l’ordine e sostenere la cosa pubblica: si doveva quindi fare ancora affidamento sulle istituzioni monarchiche, pesantemente compromesse con il regime fascista e guardate con astio da gran parte della popolazione. La tensione sfociava spesso nella violenza, e proprio uno di questi scontri è al centro de La ragazza di Bube.

Bube, partigiano nella zona di Firenze, a poco più di un mese dalla fine della guerra uccide un maresciallo dei carabinieri e suo figlio. Verrà condannato a quattordici anni di carcere e Mara, la fidanzata, lo aspetterà, cercando di trovare un significato a quel gesto di violenza che ha segnato così dolorosamente le loro esistenze.

Come si può intuire anche dal titolo, è proprio Mara la vera protagonista del romanzo. Bube è un compagno di lotta del fratello, Sante, ucciso dai tedeschi durante i mesi della Resistenza, e sulla via del ritorno si ferma a visitare la famiglia dell’amico. Mara ha solo sedici anni, è ancora una ragazzina immatura e inconsapevole: la guerra, l’arrivo degli Americani, i partigiani, tutto per lei diventa uno spettacolo da godere con la stessa curiosità avida ed egoista di un bambino al circo. Anche assistere all’innamoramento di Bube, questo «giovanottello timido» che ha vissuto e sofferto tanto e vuole atteggiarsi a uomo, per lei è un gioco divertente, un campo nuovo per sperimentare le armi della civetteria e potersi vantare con le amiche. Mara si ritrova fidanzata a Bube quasi senza accorgersene, senza esprimere esplicitamente una scelta, un’opinione. Bube era l’amico fraterno di Sante, è innamorato di lei, ed è una figura attraente e affascinante, con la sua storia di partigiano e quell’aria allo stesso tempo indifesa e agguerrita: il resto viene da sé, con la meccanica naturalezza dell’acqua che scorre. Così, quando Bube si macchia di un crimine che lo porterà al carcere, Mara si ritrova legata a lui per la vita, non più “Mara” ma, appunto, “la ragazza di Bube”, un ruolo che assorbe e comprende tutta la sua esistenza.

Ma proprio attraverso questa sofferenza si forma il carattere della ragazza, che si lascia alle spalle il mondo di sogni, desideri frivoli e fantasticherie dell’infanzia e diventa una donna, capace di guardare alla vita con coraggio e onestà. Cassola cala il romanzo in uno scenario di particolare ricchezza e complessità, ma il messaggio dell’opera vuole spingersi oltre la specifica contingenza storica: il significato della vita, del sacrificio e del dolore è ciò su cui il lettore riflette seguendo la vicenda di Mara e Bube. Quando, alle ultime battute del romanzo, la ragazza giunge ad esprimere la sua umile morale, nella semplice immediatezza delle sue parole possiamo avvertire tutto il peso di una consapevolezza raggiunta faticosamente, con impegno e sofferenza. «È cattiva la gente che non ha provato dolore — disse Mara — Perché quando si prova il dolore, non si può più voler male a nessuno».

A cura della Redazione Virtuale

Milano, 8 dicembre 2000
© Copyright 2000 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net





Novità in libreria...




Per consultare i più recenti commenti inviati dai lettori
o inviarne di nuovi sulla figura e sull'opera di
Carlo Cassola

|
|
|
|
|
|
|
I quesiti
dei lettori




I commenti dei lettori


I nuovi commenti dei lettori vengono ora visualizzati in una nuova pagina!!

Tatiana Asmeret Carlucci, Peschiera Borromeo (Mi), 9/10/'04

E'il mio romanzo preferito. Dopo averlo letto, sono rimasta settimane a ripensare alla storia narrata ma soprattutto ai due protagonisti. Quest'opera rappresenta un grande esempio per me, poiché aspiro a rendere vivi come nella mia mente i personaggi e le storie che ho creato, allo stesso modo in cui Cassola ha delineato con estrema maestria, ma anche con sempolicità, i caratteri e i sentimenti di Mara e Bube.

Matteo, Milano, 17/08/'04

Uno di quei racconti "speciali",quelli che riescono a far vibrare qualcosa di veramente profondo nel lettore.Mara è un personaggio devastante,bellissimo.Io mi sono innamorato di lei.L'ho vista in sottoveste,l'ho vista nuda,l'ho vista ridere, piangere e amare.Ed è tutto solo nella mia testa, pensa che culo!

Chiara Toffoletto (kiaratof@yahoo.it), Vicenza, 9/06/'04

Molto carino, niente da dire. forse un po' noisoso alla fine, non mi ha coinvolto totalmente, tanto da lasciarmi sveglia la notte, ma comunque è un libro interessante.

Francesca Melchiori (Francesca_melchiori@katamail.com), Trento, 12/04/'04

Semplicemente fantastico emozionante speciale...lo posso definire il più bel libro che ho letto un ringraziamento lo devo fare a mia mamma la quale mi ha consigliato la lettura di quest'incantevole opera...un consiglio rivolto a tutti grandi e piccini LEGGETELO ve lo consiglio con tutto il cuore. E' fantastico...complimenti a carlo cassola!

Sara Dallavalle (sara.dallavalle@virgilio.it), Piacenza, 10/04/'04

Secondo me questo libro è veramente bello e soprattutto profondo. Leggendolo come qualsiasi romanzo d'intrattenimento non si ricava nessun messaggio. Dovendolo analazzare per la scuola, ho scoperto temi profondi e difficili da capire con una lettura non attenta. La storia d'amore, il significato politico che ne emergono sono molto importanti e Mara è un personaggio indimenticabile. Le sue qualità sono invidiabili, soprattutto la pazienza e la speranza che conserva durante tutta la vicenda. Leggete questo libro tutti e non solo per le persone romantiche che credono nell'amore eterno.

Francesco Marotta, Foggia, 15/01/2004

Ë un libro meraviglioso che rispecchia alcuni miei stati d'animo. Lo consiglio ad alunni della mia età, siccome é un libro facile da leggere e da capire.


Elina (ely@genovagando.it), messina, 01/01/04

Questo libro e' semplicemente fantastico ! grazie alla mia prof di italiano ho potuto leggerlo ! gli ideali di questo libro sono ben chiari , consapevoli di un mondo che deve cambiare e non deve sottostare a organizzazioni politiche false ! bube e' molto forte nella sua idea la esprime chiaramente , e questo lo trovo eccezionale ! in questo libro non esiste ignavia , ovviamente vi e' accenno alla vita politica degli anni del dopo guerra , il comunismo ben accentuato e questo fa si che vi sia l'entrata nel pieno periodo della contestazione !! Consiglio questo libro a chi ha una sua idea politica , a chi ha una persona a cui vuol bene lontana ... Personalmente spero che chi la pensa come me vorra' essere coscente delle mie idee e chi non la pensa come me ! bhe mi dispiace un po ... ma e' normale avere opinioni diverse .. quindi cio significa che se il commento e' di pura sinistra non vuol dire che la gente di destra mi odi x questo ! un consiglio rispettate i vostri ideali e non fatevi condizionare da nessuno soprattutto da gente che non conoscete .. ciao


Alessia, 30/12/03

Questo è il libro più bello che abbia mai letto...Lo consiglierei a coloro cui piace ciò che è romantico,che non dovrebberlo leggerlo tutto d'un fiato per non perderne i significati pÏù profondi!!!!!!!!!Per concludere volevo dire che è raro trovare un amore cosÏ bello, travolgente e duraturo.


Ivana, 30/12/03

Il libro è assolutamente fantastico e coinvolgente!l'ho letto durante le ultime vacanze di natale e nn mi ha per niente annoiata!ho apprezzato soprattutto l'impeccabile capacità dell'autore di descrivere semplicemente i sentimenti e le sensazioni dei personaggi!complimenti Cassola!!!!!!!!!!!!!!!!


Laura Chiari, Brescia, 2/12/2003

Sinceramente all'inizio il libro mi annoiava, forse il modo in cui era scritto o forse semplicemente mi irritava la superficialità di mara nella sua frivolezza, ma un po' per obbligo l'ho continuato e nel suo risvolto si é rivelato ricco di emozioni, nonostante la fine mi abbia molto rattristata.


Ornella Broccolini (ornyl_B@libero.it), Faleria (Vt), 26/11/2003

Questo libro e' veramente stupendo. L'ho letto perche' consigliato dalla mia prof. d'italiano , altrimenti penso non l'avrei mai letto anche perche' non mi ispirava il titolo. Anche a me come Camilla a fatto riflettere sulle vicende vissute dai miei nonni; deve essere stata dura a quei tempi..Ringrazio ancora una volta la mia prof. di italiano per avermelo consigliato.


Alfredo, Milano, 10/11/'03

Volevo rispondere a nico di pesaro...commentando qsto romanzo dicendo k mara è tonta e stupida perké nn si mette con stefano...ecc... dimostri proprio di nn avere capito niente di ciò ke hai letto...è proprio qst il messaggio centrale del romanzo...lo so anche io k mara poteva andare con stefano k giustamente era bello,libero e presente...ma il suo gesto,aspettare il suo amore per tanti anni...,ha fatto di qst un romanzo bellissimo...


Ursula (uschimiti@web.de), Mutlangen (Germania), 3/11/'03

Ho letto il libro solo recentemente nell'ambito del mio studio d'italiano.L'ho trovato facile da leggere anche per una tedesca;il tema centrale,la trasformazione da una ragazza incosciente in una donna che sa assumere le sue responsabilità a libera volontà, mi ha chiesto molto rispetto, e lo ritengo attuale non soggetto del tempo.


Cucciola (gaiaweb@libero.it), Perugia, 12/10/'03

Mi è piaciuto molto La ragazza di Bube che mi ha specialmente colpito la loro forza d'amore a distanza tra Mara e Bube. Mi ha coinvolto molto leggendolo che mi sono anche immedesimata alla protagonista che mi sentivo molto simile a lei dato che tutt'ora sto vivendo una storia d'amore a distanza e che il mio ragazzo è molto simile a Bube nei suoi atteggiamenti. Cmq mi ha commosso interiormente visto che comprendo molto la loro sofferenza specialmente in Mara. Consiglio a tutti coloro che hanno amore a distanza leggino questo libro che fa capire di avere molta forza se si ama molto una persona!La ragazza di Bube è un libro bello che fa capire che quando si ama una persona anche se lontani bisogna avere forza anche se si soffre Tutt'ora ne sto soffrendo sta simile esperienza inoltre mi sentivo molto immedesimata a Mara e il mio li a Bube nei suoi atteggiamenti. Mi ha colpito moralmente. Grazie a mia madre dia vermelo consigliato!;-)


Anonimo, 8/10/'03

Un ottimo libro da leggere tutto di un fiato in una sola notte


Nico, Pesaro, 3/10/'03

È un libro molto bello, ma Mara è proprio tonta, perché spreca tutta la sua giovinezza per un ragazzo che non ama, solo perché è rimasto solo ed è in carcere, mentre potrebbe stare con un ragazzo come Stefano che ama e soprattutto è libero!!!!!


Ilaria e Caterina, 10/09/'03

NOI ABBIAMO LETTO QUESTO LIBRO DURANTE LE VACANZE ESTIVE, E LO ABBIAMO TROVATO MOLTO BELLO E INTERESSANTE. LA VICENDA CI FA COMPRENDERE LA FORZA DEI SENTIMENTI E SOPRATTUTTO IL CORAGGIO E LA MATURITA' CHE HA RAGGIUNTO MARA A CAUSA DELLA SUA DIFFICILE STORIA D'AMORE. E' UNO DEI MIGLIORI LIBRI CHE ABBIAMO LETTO.


FRANCESCA ROMANO (francy.roman@tiscali.it), Aprilia (Lt), 04/08/03

LA RAGAZZA DI BUBE MI HA FATTO COMMUOVERE... AVVINCENTE A TRATTI, E' UN LIBRO SENZ' ALTRO DA LEGGERE XCHE' AL DI LA DELLA STORIA D' AMORE TRA I DUE C'E' MOLTO DI PIU


'Nicola Turri (nicolaturri@yahoo.it), Verona, 9/07/03

La ragazza di Bube è un delicato, intenso e vivo romanzo della letteratura italiana. Un classico imperdibile. Uno stile semplice e scorrevole. Un libro che coinvolge.


Camilla Taddei, Vaglio Serra (At), 20/06/03

SONO UNA RAGAZZINA DI 15 ANNI CHE VIVE IN UN PAESINO NELLA PROVINCIA DI ASTI E DEVO AMMETTERE CHE QUESTO LIBRO MI E' PIACIUTO VERAMENTE MOLTO L'HO LETTO TUTTO D'UN FIATO IN 2 GIORNI !! QUESTO LIBRO MI HA FATTO CRESCERE INTERIORMENTE PERCHE' MI HA FATTO COMPRENDERE QUELLO CHE AVEVANO PASSATO I MIEI NONNI IN QUELL'EPOCA !! SEMBRA STRANO ANCHE A ME MA DEVO RINGRAZIARE LA MIA PROF D'ITALIANO CHE CI HA DATO QUESTO LIBRO DA LEGGERE X LE VACANZE CHE SE COSI' NON FOSSE STATO IO NON LO AVREI MAI LETTO!!


Attilia Lettore (a.pezzica@tiscalinet.it), 29/04/03

Ho trovato il libro 'carino'. E' un po' triste. Parla di una ragazza 'rassegnata' ad una vita senza stimoli solo per non offendere i sentimenti di una persona che la ama. Ma lei?


Joao Branco, Milano, 28/04/03

E' stato emozionante leggere questo capolavoro della letteratura italiana. Un libro che consiglio vivamente a tutti, italiani e non.


Sarah DUTERTRE (sara.d@wanadoo.fr), Lyon (Francia), 10/03/03

Un bello testimonio! Sono francese ma i miei nonni maternali sono di Bari e Roma, e la storia italiana tocca il mio cuore, poichè un po' la mia...Ho letto quest'opera in italiano, per conservare l'emozione dell'artisto Cassola. Avevo paura di non capire tutte le dimenzione del romanzo attraverso una traduzione. Quest'opera è magnifica! E' un viaggio nel passato e grazie a quasta lettura, ho capito cose che non lo permettono i libri scolari. Grazie a Cassola per avere datto questo testimonio e perchÈ mi sono sentita prossima della povera Mara, vittima anche lei di questa brutissima guerra. Pace e Libertà per tutti i popoli del Mondo! P.S.: scusatemi per il mio italiano!


Rossana (sana.mary@libero.it), Varese, 04/03/03

E 'veramente bello come libro! Perché l'autore sottolinea molto bene la crescita interiore dei sentimenti di Mara! Anche se lei, purtroppo, capisce troppo tardi il grande amore che prova nei confronti di Bube. La cosa più affascinante...che alla fine lo aspetterà nonostante le sue sofferenze che ha subito!


Carlo Cenni (cennissimo@infinito.it), Roma, 24.09.2002

Che racconto ! quasi un album fotografico di un'epoca non lontana ma poco raccontata...personaggi che ti entrano nel cuore dalla porta principale e non se ne vanno piu ...piu che frasi e dialoghi e un susseguirsi di immagini colori ed emozioni che ti fanno desiderare aver vissuto certe emozioni e storie. Sentiti complimenti a Cassola...ho letto il libro al ritmo e al tempo di una pellicola cinematografica...ho battuto il mio record...che strano!...ho desiderato, come per certi film,che venisse scritto il seguito...


Elena D.F., (elenade@excite.it), Palermo, 14.06.2002

Ho letto il libro in due giorni! E' molto scorrevole, la storia è interessante e realistica. Cassola fonde insieme, in un perfetto realismo,una storia d'amore e un periodo storico preciso.Veramente bello!


Giorga Grifoni, (grifogigia@virgilio.it), Spoleto, 6.06.2002

La ragazza di Bube è un libro splendido! Non avevo molta "fiducia" in esso, dal titolo. Ma appena letta la prima pagina, ho capito che mi sarebbe piaciuto subito e penso sia piaciuto, piaccia e piacerà a chiunque lo legga!


Federica Sinigaglia, 11.04.2002

E' un libro a dir poco meraviglioso dove la vicenda storica passa in secondo piano, dove è la storia d'amore tra Mara e Bube il tema centrale del romanzo. Un amore nato quasi per caso, costretto a crescere e maturare per forza di cose. Mara, fragile e forte, Bube chiamato durante la Resistenza il "Vendicatore" giocato dalla vita e dalle ideologie che sin da piccolo gli sono state inculcate in testa. Il libro utilizza un linguaggio semplice, chiaro, quasi domestico ed il libro è di facile lettura e comprensione.


Gloria Mecozzi (barbara.mecozzi@libero.it), Ascoli, 15.1.2002

Il libro è stupendo: all'inizio è noioso, ma andando avanti diventa coinvolgente.


Federica Mori (feafeo8582@hotmail.com) Pisa, 07.07.2001

Il libro è semplicemente stupendo inizialmente mi annoiava un poco ma arrivata alla partenza di bube sentire nelle parole del lettore la sofferenza di mara mi ha spinto a leggere il libro in un solo giorno la lettura è facile e scorrevole è no dei miglior libri da me letti


Maria Pia D'Aquino (aquisebi@mail.gte.it) Santa Venerina, Catania 25.06.2001

È un libro che veramente colpisce,perchè non solo mostra la guerra dalla parte dei partigiani, ma fa vedere anche quanto possa essere forte l'amore tra due ragazzi deglla mia stessa età.


francy **** (k@k.it), 23.06.2001

E' una storia semplicemente delicata ma al tempo stesso dura e crudele dal lato politico..però questo non riesce a confondere la storia vissuta dai personaggi, il loro amore che, pur se inizialmente acerbo, porta il lettore ad affezzionarsi a loro.


Mariagiovanna pica (scape@katamail.com) Vigevano, Pavia 12.06.2001

E' un libro stupendo,il mio preferito...ogni volta che lo rileggo suscita in me sentimenti nuovi e sempre intensi! Carlo Cassola è semplicemente geniale!!!!


elisa martini (mikely@inwind.it), 06.05.2001

L'ho letto per curiosità, per vedere l'altra parte della guerra, quella dei partigiani.ho lasciato perdere ideali politici per i quali sarei stata portata ad odiare bube e, questo libro mi è piaciuto molto, non potevo non arrivare in fondo.l'autore crea una tensione crescente, crea curiosità, fa affezionare alla storia, ai personaggi.




http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Gio, 7 set 2006

Autori | Opere | Narrativa | Poesia | Saggi | Arte | Interviste | Rivista | Dossier | Contributi | Pubblicità | Legale-©-Privacy